Progetto Io amo i beni culturali a.s. 2018-2019

Logo progetto Io amo i beni culturaliIl progetto Io amo i beni culturali è promosso dall'IBACN Emilia-Romagna in partnerianato con l'Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-Romagna e il MODE-Museo Officina dell'educazione dell'Università di Bologna. L'iniziativa ha il patrocinio dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Obiettivo del concorso è avvicinare i giovani al patrimonio culturale e alle istituzioni che lo conservano, favorendo la loro partecipazione attiva e creativa e sostenendo la crescita di cittadini autonomi e consapevoli.
I musei, le biblioteche e gli archivi della regione vengono dunque invitati, ogni anno, a unirsi in partenariato con le scuole secondarie per presentare un progetto che nell’anno scolastico successivo valorizzi il museo o l’archivio prescelto, o un bene culturale presente sul territorio. Sono i ragazzi e le ragazze, insieme agli insegnanti e ai funzionari delle istituzioni coinvolte, a realizzare nuove forme di comunicazione e di valorizzazione, sviluppando competenze personali, sociali e civiche.

Per l'anno scolastico 2018-2019 la Sezione di Cesena partecipa al progetto con l'iniziativa La vita in un voto, vincitrice per la sezione archivi, presentata dalla Scuola Statale Secondaria di Primo Grado "Viale della Resistenza" di Cesena e dall'Archivio di Stato di Forlì-Cesena, sezione di Cesena.

Partendo dall'osservazione di alcuni ex voto presenti nell'Abbazia di S. Maria del Monte, il progetto si propone di ricostruire scene di vita quotidiana in tre periodi: pre-napoleonico, post soppressioni napoleoniche e contemporaneo.

I ragazzi analizzeranno l'ambientazione proposta dalle immagini e, attraverso uno studio diretto sulle fonti presenti nell'Archivio di Stato, prenderanno in considerazione gli aspetti storici, culturali, economici e sociali dei tre periodi in oggetto, evidenziandone i mutamenti dopo la confisca dei beni ecclesiastici da parte dei francesi e mettendo in atto un confronto fra loro. Lo studio porterà poi ad un approccio diretto attraverso la drammatizzazione delle situazioni, riproducendo usi e costumi dei tre periodi. L'intento è quello di trasmettere alle nuove generazioni il valore del bene culturale come testimone del suo tempo, la sua profonda conoscenza attraverso le fonti e l'importanza della sua tutela anche nell'ottica di un'opportunità imprenditoriale legata alla valorizzazione del bene stesso (attraverso strumenti cartacei o digitali quali video, digital marketing, ecc.).

Altre scuole coinvolte: Istituto Professionale di Stato Versari Macrelli di Cesena; Ist. Alberghiero 'Pellegrino Artusi' Istituto d'Istruzione superiore di Forlimpopoli.
Partner: Società Amici del Monte, Cesena; Abbazia di Santa Maria del Monte, Cesena; Ufficio Puntoeuropa, Cesena.